Mappa del sito

La Six vola in finale per il premio “Cambiamenti”

14 Novembre 2019

Anche la start up grossetana partecipa alla premiazione del 28 novembre prossimo per il concorso promosso dalla Cna nazionale .
Un’impresa maremmana vola in finale per il premio “Cambiamenti”. Si tratta della Six, Signs of innovation experience, una startup associata a Cna Grosseto, che produce “microgreen”, micrortaggi al chiuso attraverso la tecnologia “vertical farming”. La Six, quindi, sarà una delle venti aziende italiane che il 28 novembre prossimo parteciperanno, a Roma, alla finale nazionale di “Cambiamenti”, il premio al pensiero innovativo delle giovani imprese, che Cna promuove da quattro anni.

“Un risultato importante per il nostro territorio – commenta Anna Rita Bramerini, direttore di Cna Grosseto – che sa produrre eccellenze che possono fare da traino per la ripresa economica della provincia di Grosseto”. In palio ventimila euro e una settimana di vacanza in una delle strutture Bluserena per il primo classificato a livello nazionale, mentre per il secondo e terzo classificato è previsto un premio di cinquemila euro, in denaro o come primo investimento per un crowdfounding, oltre alla possibilità di fare rete con altre realtà italiane innovative e sperimentali.
“E’ una grande soddisfazione essere arrivati alla finale nazionale – commenta Bernardo Cigliano, ceo di Six – perché significa essere tra le 20 aziende, sulle migliaia che hanno partecipato, che potranno presentare la propria idea innovativa di fronte a una platea importante, conoscere altre realtà ed entrare a far parte di una rete di imprese. Un riconoscimento che arriva inaspettato, perché questa idea è nata un po’ per caso dalla passione e dalla creatività di figure professionali diverse”.

Insieme a Cigliano, infatti, lavorano su diversi progetti promossi dalla start up vari professionisti, ingegneri ambientali e agronomi, per esempio.  Si tratta di Domenico Marletta, Micol Massai, Marco Ristori, Simon Allegaert.
La Six produce “microgreens”, riconosciuti come “superfood”: micro piante di appena 5-7 centimetri di altezza che contengono proprietà nutritive in numero mediamente sei volte maggiore rispetto alla pianta matura. Gli ortaggi vengono prodotti grazie a un sistema di luci led artificiali a spettro dedicato, in piani verticali sovrapposti, e utilizzando poca acqua (circa il 2 per cento rispetto alla coltura normale), in modo quindi sostenibile e con bassi investimenti.

“E’ una coltivazione indoor, al chiuso – aggiunge Cigliano – che usa tecnologia di medio livello, adatta ai micro ortaggi e non ad altri tipi di coltivazioni, che può avvenire nelle città e che permette quindi di essere vicini ai punti di consumo, azzerando logistica, trasporti e spreco alimentare e portando il prodotto direttamente sulle tavole dei consumatori”. Six, inoltre, non ricorrere alla chimica e non usa pesticidi, garantendo così una genuinità al prodotto finale che lo rende ricco di vitamine e proteine. “Comunque vada la finale nazionale – conclude Cigliano – continueremo a lavorare e portare avanti i progetti che abbiamo con molte università italiane e non solo”.

Previous post:

Next post: